TORNA A TUTTE LE NEWS

Araudo, Lanza e Macrì con la Nazionale di para-ice hockey per la qualificazione paralimpica

24 Novembre 2021

La Nazionale Italiana di Para-Ice Hockey si appresta ad affrontare il Torneo di Qualificazione alle Paralimpiadi Invernali di Pechino 2022, ultima spiaggia per tentare l'assalto ai Giochi e garantire all'Italia l'en plein di presenze sin dall'introduzione della disciplina nel programma a Torino 2006. Per farlo, coach Massimo Da Rin ha convocato tre giocatori torinesi degli Sportdipiù Tori Seduti: si tratta del portiere Gabriele Araudo, del difensore Andrea Macrì e dell'attaccante Gabriele Lanza.Gli Azzurri affronteranno a Berlino, in un girone all'italiana, i padroni di casa della Germania (26 novembre alle 18.30), la Svezia (27 novembre alle 15), la Slovacchia (28 novembre alle 11.3o), il Giappone (30 novembre alle 11.30) e la Norvegia (1 dicembre alle 11.30); a qualificarsi saranno le prime due classificate. A pochi giorni dall'avvio del torneo abbiamo raccolto le testimonianze di due nostri atleti, il vice-capitano della Nazionale Macrì e Lanza.

«È la nostra ultima occasione - ha commentato Macrì - per conquistare un posto alle Paralimpiadi: si tratta di un traguardo molto importante e abbiamo cercato di prepararci al meglio nonostante la squadra non sia al completo. I giovani che avranno il compito di costruire il futuro della Nazionale, comunque, sono tutti presenti e la qualificazione non è impossibile ma fattibile come abbiamo già dimostrato in molte occasioni. Conosciamo bene tutte le squadre partecipanti perché le abbiamo affrontate più volte nel corso degli anni: la Norvegia, in particolare, all'ultimo Mondiale. Staccare il pass per Pechino sarebbe davvero importantissimo per tutto il movimento del para-ice hockey, ce la giocheremo fino in fondo cercando di mettere in campo tutto quello che abbiamo; in ogni caso, sono ottimista e se ci divertiremo tirando fuori lo spirito dell'Italia come in passato potremo tornare a casa con qualcosa di grande tra le mani»

«Si tratta - ha dichiarato Lanza - di un appuntamento importantissimo perché ci giochiamo gli ultimi 2 pass per Pechino: tutte le partite saranno importantissime perché, in un torneo dove si gioca "tutti contro tutti" non si possono perdere punti. Il nostro obiettivo è quello di vincere e qualificarci alle Paralimpiadi e gli avversari più ostici sulla nostra strada saranno sicuramente Germania e Norvegia anche se non dobbiamo sottovalutare nemmeno la Slovacchia. Per quanto riguarda Giappone e Svezia, non affrontandole da molto tempo rappresentano un'incognita. Detto questo, il nostro gruppo è molto affiatato con un mix di giovani promettenti e tanta esperienza anche se giocare 5 partite in 6 giorni sarà faticoso per tutti».

closealign-justifychevron-left linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram