Torneo Internazionale di Para Ice Hockey, l'Italia supera la Norvegia nella seconda giornata

Un’Italia concreta e a tratti scintillante ha sconfitto 7-2 la Norvegia nella seconda giornata del Torneo Internazionale di para ice hockey, organizzato dall’Associazione Sportiva Sportdipiù al PalaTazzoli di Torino. Una cornice di entusiasmo ha accolto la seconda partita degli azzurri nella settima edizione del torneo sabaudo, con centinaia di ragazzi delle scuole torinesi a tifare sulle tribune. Vittoria netta per la nostra nazionale, che dopo un primo tempo molto equilibrato ha preso il comando delle operazioni nel secondo e dilagato nel terzo (parziali 0-0 3-1 4-1), mostrando brillantezza atletica e idee chiare a livello tattico. Come detto il primo periodo si è giocato all’insegna dell’equilibrio; nessuna rete e neanche troppi tiri in porta, ma partita ugualmente divertente e intensa. Italia più pericolosa nei primi minuti, poi meglio la Norvegia, vicina al gol in due occasioni; nelle ultime azioni gli azzurri sfiorano il vantaggio, ma lo 0-0 resiste.

È un tiro sotto la traversa, scagliato da Andrea Macrì, a sbloccare il risultato dopo 25 secondi nella seconda frazione. Il difensore torinese si ripete tre minuti dopo, finalizzando con un’altra precisa conclusione una bella azione corale. A cinque minuti dal secondo intervallo un’ottima parata di Gabriele Araudo su tiro di Nordstoga impedisce alla Norvegia di rientrare in partita. Sul capovolgimento di fronte l’Italia allunga così sul 3-0, segnato da Christoph Depaoli con un tiro a filo di ghiaccio che insacca il disco sotto il braccio dell’estremo difensore scandinavo. Nel finale del periodo la nostra nazionale concede qualcosa e su uno dei rari errori della retroguardia azzurra Morten Vaernes accorcia le distanze e fissa il 3-1 della mezzora.

Nel terzo periodo l’Italia vola via con quattro reti in meno di sei minuti. Valerio Corvino, altro giocatore torinese, si vede respingere un tiro di fronte al portiere ma nell’azione successiva segna il 4-1. Macrì firma la tripletta personale da posizione molto angolata, Stephan Kafmann e Bruno Balossetti – che a Torino giocò le Paralimpiadi del 2006 – arrotondano il risultato. La nazionale scandinava si scuote e trova un gol con Magnus Bogle, autore di un gran tiro dalla media distanza. A reti inviolate gli ultimi nove minuti, che consegnano all’Italia la prima vittoria nel torneo, dopo la sconfitta di ieri contro gli Stati Uniti.

“Bella partita” commenta Andrea Macrì, MVP azzurro del match, “anche considerato il valore dell’avversario, contro cui giochiamo sempre sfide molto equilibrate. Oggi abbiamo vinto con un margine importante, mai visto finora contro la Norvegia. A partire dal secondo tempo siamo riusciti a liberare conclusioni migliori e a tirare con più continuità; penso che sia stata questa la chiave della vittoria. Adesso dobbiamo continuare su questa strada e non abbassare la guardia; incontreremo nuovamente la Norvegia nel girone delle Paralimpiadi e lì il risultato sarà davvero importante. Per quanto riguarda i prossimi incontri del torneo, domani affronteremo il Giappone, altra squadra esperta che conosciamo bene. Sicuramente un altro buon test in preparazione ai Giochi”.

Nella seconda partita della giornata, secondo pronostico gli Stati Uniti hanno battuto il Giappone, con il netto punteggio di 8-0 (parziali 5-0 2-0 1-0); sul tabellino dei marcatori Brody Roybal, autore di una tripletta e premiato come MVP americano dell’incontro, Rico Roman (2), Nikko Landeros, Josh Misiewicz e Declan Farmer. Domattina alle 10 gli azzurri torneranno in pista per il match contro il Giappone; alle 15 l’ultimo incontro del girone tra Stati Uniti e Norvegia.