Torneo Internazionale di para ice hockey, a Torino arriva la settima edizione

A circa 40 giorni dall’inizio dei prossimi Giochi Paralimpici Invernali, Torino ospiterà la settima edizione del Torneo Internazionale di Para Ice Hockey. L’evento si svolgerà al PalaTazzoli (via San Remo 67, Torino) dal 22 al 27 gennaio e vedrà impegnate le nazionali di Italia, Giappone, Norvegia e Stati Uniti. L’organizzazione è come sempre a cura dell’associazione Sportdipiù, con il patrocinio di CIP – Comitato Italiano Paralimpico, Esercito, Regione Piemonte, Comune e Area Metropolitana di Torino. Il Torneo Internazionale è un appuntamento ormai tradizionale per il capoluogo piemontese; per quanto riguarda il calendario internazionale del para ice hockey sarà la manifestazione inaugurale del 2018 nonché l’ultimo test prima delle Paralimpiadi di Pyeongchang (Corea del Sud), in programma dal 9 al 18 marzo.

Torneo Internazionale di Torino, le squadre partecipanti
Il livello tecnico del Torneo Internazionale di Torino sarà come sempre ottimo. Gli Stati Uniti sono favoriti per la vittoria finale, in quanto nazionale detentrice dell’oro paralimpico, conquistato a Sochi nel 2014, e dell’argento iridato; ai Mondiali della scorsa primavera, disputati nella città coreana di Gangneung, gli americani si sono arresi soltanto in finale al Canada. Terza fu la Corea del Sud, che nella finale per il bronzo sconfisse la Norvegia. Gli scandinavi sono ospiti fissi del torneo torinese, che si aggiudicarono nella prima edizione datata 2011. Dopo qualche stagione di assenza tornerà sotto la Mole il Giappone, altra nazionale storica del para ice hockey fresca di qualificazione alle prossime Paralimpiadi. A completare il quadro delle partecipanti c’è naturalmente l’Italia, argento europeo nel 2016 (l’oro andò alla Russia) e quinta agli ultimi Mondiali.

La nazionale italiana
La nazionale azzurra comprende giocatori dei tre team iscritti al campionato italiano: South Tyrol Eagles, Armata Brancaleone Varese e Sportdipiù Tori Seduti Torino. Non ha mai vinto il Torneo Internazionale sabaudo ma più che al successo finale punterà a ultimare la preparazione in vista delle Paralimpiadi Invernali. Il gruppo ha iniziato la stagione molto presto, proprio per arrivare al massimo della forma nel mese di marzo e giocarsi il podio paralimpico (finora il miglior risultato ai Giochi è il quinto posto di Sochi). A partire dall’estate gli azzurri hanno partecipato ad alcuni raduni, agli ordini di coach Massimo Da Rin e dei suoi assistenti Mirko Bianchi e Kalle Muhr. Nei primi giorni di novembre sono stati in Norvegia per una serie di allenamenti e partite amichevoli contro la nazionale di casa. Le strade di Italia e Norvegia si incroceranno nel girone del torneo paralimpico di Pyeongchang, in un match probabilmente decisivo per il secondo posto nel raggruppamento e di conseguenza per l’accesso alle semifinali; anche per questo incontrare gli scandinavi a Torino sarà un test importante.

Tornando alla programmazione stagionale della nazionale italiana, gli azzurri partiranno in questi giorni per il Canada, dove prenderanno parte a un torneo quadrangolare insieme a Canada, Stati Uniti e Corea del Sud. Un appuntamento di alto livello, contro le tre migliori squadre degli ultimi Mondiali. È della settimana scorsa, infine, la notizia che Florian Planker, giocatore storico della nazionale e del South Tyrol Eagles, sarà il portabandiera azzurro alle Paralimpiadi. Un motivo di orgoglio per il movimento del para ice hockey italiano, che già nel 2014 aveva portato il Tricolore ai Giochi con il torinese Andrea Chiarotti.

La formula e il programma del Torneo Internazionale di Torino
Il Torneo prevede una prima fase con girone unico all’italiana e partite di sola andata, e una seconda fase con semifinali e finali per decidere le posizioni dalla prima alla quarta. Il tabellone delle semifinali sarà ovviamente stabilito sulla base della classifica della prima fase (la prima affronterà la quarta e la seconda giocherà con la terza). Da lunedì a mercoledì si giocheranno i match della prima fase, venerdì le semifinali e sabato le finali. Nel week end che anticipa l’inizio del torneo, così come nella giornata di giovedì 25 gennaio la pista del PalaTazzoli sarà a disposizione delle nazionali per gli allenamenti. Tutte le partite saranno trasmesse in diretta su RaiSport. In alcuni giorni del torneo, in occasione delle partite dell’Italia, saranno inoltre presenti sugli spalti moltissimi studenti torinesi e piemontesi, che come accaduto nelle passate edizioni riempiranno di entusiasmo il PalaTazzoli. L’ingresso al Tazzoli sarà libero e gratuito per tutta la durata della manifestazione.

Il programma dettagliato

Lunedì 22 gennaio

- ore 10: Italia – Stati Uniti

- ore 15: Norvegia – Giappone

Martedì 23 gennaio

- ore 10: Italia – Norvegia

- ore 15: Stati Uniti – Giappone

Mercoledì 24 gennaio

- ore 10: Giappone – Italia

- ore 15: Norvegia – Stati Uniti

Venerdì 26 gennaio

- ore 10 semifinale 1 (con l’Italia)

- ore 15 semifinale 2

Sabato 27 gennaio

- ore 10 finale (con l’Italia)

- ore 13 finale

- a seguire la cerimonia di premiazione

Albo d’oro

2011 – Norvegia

2012 – Repubblica Ceca

2013 – Russia

2014 – Russia

2015 – Canada

2017 – Canada

Il para ice hockey
Fino a poco tempo fa chiamato ice sledge hockey, il para ice hockey è la versione paralimpica dell’hockey su ghiaccio, nella quale gli atleti si spostano su una slitta utilizzando le braccia per spingersi sul ghiaccio e due stecche, di dimensioni ridotte rispetto al bastone dell’hockey tradizionale, per muovere il disco. La prima apparizione olimpica risale ai Giochi di Lillehammer del 1994; da allora il para ice hockey è diventato una disciplina molto popolare e amata dal pubblico, per il suo dinamismo, la sua velocità e fisicità; la finale di Sochi tra Russia e Stati Uniti ha richiamato allo stadio più di 6000 spettatori e anche a livello televisivo è stato uno degli eventi paralimpici più seguiti nella storia.