Il Torneo Internazionale di para ice hockey è degli Stati Uniti, Italia seconda

Per la nazionale italiana il Torneo Internazionale di para ice hockey si è concluso nel modo in cui era cominciato. Dopo il 6-0 rimediato lunedì all’esordio contro gli Stati Uniti gli azzurri hanno perso con analogo punteggio e contro lo stesso avversario oggi nella finale per il primo posto (parziali 4-0 2-0 0-0). Gli americani hanno confermato tutta la loro forza e la capacità di sfruttare ogni minimo spazio concesso dalla difesa italiana, messa sotto pressione dal primo al 45esimo minuto di partita (25 a 4 il conto finale dei tiri in porta). Proprio per questo giocare contro gli USA, favoriti per l’oro paralimpico insieme al Canada, è stato un importante banco di prova in vista dei Giochi, in programma a Pyeongchang dal 9 al 18 marzo.

“Per noi è ottimo aver giocato due volte in pochi giorni contro gli Stati Uniti” sottolinea il capitano azzurro Gianluca Cavaliere, “sono una squadra di altissimo livello che ci spinge al limite delle nostre possibilità specialmente in fase difensiva. Nella sfida della prima giornata abbiamo approcciato il match nel modo giusto e perso poi terreno nel secondo e nel terzo periodo. Oggi è successo il contrario, forse ci è mancata un po’ di convinzione all’inizio ma con il passare dei minuti siamo definitivamente entrati in partita. In vista dei Giochi penso che la squadra sia sostanzialmente a posto; in queste settimane aggiusteremo qualcosa, allenandoci nelle nostre squadre di club, con la nazionale nel raduno di metà febbraio e nei giorni prima del debutto alle Paralimpiadi, nei quali disputeremo anche un’amichevole”.

Nel prossimo fine settimana la maggior parte dei giocatori azzurri tornerà in campo nella finale scudetto tra South Tyrol Eagles e Sportdipiù Tori Seduti (gara 1 e 2); l’eventuale gara 3 si terrà sabato 10 febbraio. Dal 15 al 18 febbraio la nazionale si ritroverà a Fondo (Trento) per l’ultimo collegiale prima della partenza per la Corea del Sud, fissata per i primi giorni di marzo. Seguirà qualche giorno di preparazione, fino all’esordio contro la Norvegia. Norvegia che oggi nella finale per il terzo posto ha sconfitto 6-1 il Giappone (parziali 3-0 2-1 1-0).

Tornando alla partita tra Italia e Stati Uniti si sono iscritti al tabellino dei marcatori Josh Misiewicz, autore di una tripletta e premiato come MVP americano dell’incontro, Declan Farmer, due volte in gol, e Brody Roybal. MVP azzurro il capitano Gianluca Cavaliere. Contestualmente alla premiazione delle squadre sono stati eletti i migliori giocatori del torneo: il torinese Gabriele Araudo come miglior portiere, Nikko Landeros come miglior giocatore, Brody Roybal come miglior realizzatore. Presenti alla finalissima anche gli Assessori allo Sport della Città di Torino e della Regione Piemonte, rispettivamente Roberto Finardi e Giovanni Maria Ferraris.

“Il Torneo Internazionale di para ice hockey si è confermato di livello tecnico molto elevato” ha affermato Roberto Finardi, “con il fiore all’occhiello di una nazionale come gli Stati Uniti che rappresenta l’élite mondiale della disciplina. Come preventivato l’Italia ha faticato un po’ nel confronto con gli americani ma ha giocato alla grande nelle altre sfide, mostrando buona forma in vista dei Giochi e anche una crescita tecnica importante rispetto al passato. Penso che questi due elementi siano un importante stimolo per continuare a migliorare. Sono contento anche per il tanto pubblico che oggi e nei giorni scorsi ha assistito alle partite degli azzurri, con più spettatori rispetto agli anni passati. L’augurio è di ritrovarci qui nella prossima stagione per un nuovo Torneo Internazionale; ma nel mentre vorrei augurare un grande ‘in bocca al lupo’ alla nostra nazionale, affinché possa tornare dai Giochi con un risultato importante”.

“È un piacere vedere gli azzurri a Torino in preparazione alle Paralimpiadi, appuntamento clou di questo 2018” ha replicato Giovanni Maria Ferraris, “complimenti all’organizzazione e alla Città per aver portato qui a Torino, ancora una volta, il Torneo Internazionale di para ice hockey. Il Piemonte è stata la prima regione italiana ad aver equiparato CIP a CONI (nel 2016), per offrire una visione di sport globale e per tutti. Il Torneo Internazionale si inserisce anche in questo contesto; è un evento capace di promuovere lo sport tra le persone disabili, che proprio attraverso la pratica sportiva possono esprimere tutte le loro potenzialità. Ed è un evento capace di dare un ottimo esempio a tanti giovani”.